Android ha raggiunto dispositivi mobili il 23 settembre 2008. Nove anni dopo è diventato il sistema operativo con il maggior numero di utenti in tutto il mondo (2 miliardi). Calcoli alla mano, secondo i dati riportati dagli sviluppatori nel corso del Google I/O, che ha avuto luogo pochi mesi fa.

Il primo Android mobile, il T-Mobile G1, ha raggiunto i suoi primi acquirenti il ​​2 ottobre 2008. Questo ha segnato una rivoluzione nel mondo degli smartphone come lo conosciamo oggi.

Nel corso di questi nove anni, il gigante tecnologico ha presentato più di 15 aggiornamenti in Android, dei quali la versione 8.0 Oreo è la più recente. Ma, da allora, i produttori di smartphone hanno lanciato migliaia di dispositivi con questo sistema operativo rendendolo il più popolare al mondo.

T-Mobile G1

La prima versione di Android è stata la 1.0 che, però, dovette scontrarsi con i suoi competitor più prossimi, Windows Mobile, Blackberry e soprattutto iOS, che aveva esordito sul mercato un anno prima e, quindi, aveva avuto un vantaggio in esperienza di alcuni mesi. Dopo una modifica dell’interfaccia, Google ha introdotto un sistema operativo per la successiva generazione di telefoni touch screen, aggiungendo diverse funzionalità, oggi note a tutti.

Le liste di scorrimento rapido, il fantomatico – e temutissimo – copia e incolla senza difficoltà, la ricezione delle notifiche, le scorciatoie sulla schermata iniziale, sono state solo alcune delle sue nuove funzionalità introdotte a beneficio degli utenti e da questi molto apprezzate. Oltre, ovviamente, la possibilità di utilizzare applicazioni Google completamente gratuite, come Google Maps, YouTube, Calendario, Gmail.

Condividi